Sei qui: Home Venezia Lacrime di Venezia

Lacrime di Venezia

 



Quando i Talebani distrussero Buddha di Bamiyan, l'Occidente inorridì, ma ciò che sta accadendo a Venezia è molto peggio. Il malgoverno politico e culturale sta distruggendo la Civiltà Anfibia che la rende unica al mondo e sta costringendo i suoi abitanti a trasferirsi in terraferma. Ma una città senza cittadini non è una città: Venezia piange i suoi abitanti perduti e il mondo non può fingere di nulla. Le LACRIME DI VENEZIA sono il segno dell'amore e della preoccupazione per le sorti di questo patrimonio così raro e prezioso dell'umanità che non può continuare ad esistere senza la sua popolazione.

Nel 1848 Venezia, dopo il lungo assedio, spossata dalla fame e dal colera, si arrese agli Austriaci. Allora le donne Italiane della borghesia liberale portarono dei caschimpetto di perle, simboliche lacrime per la sorte di Venezia, abbandonata al suo destino dalle potenze europee. Anche oggi Venezia non può essere lasciata sola.

VENEZIA CIVILTA' ANFIBIA

è un'associazione senza fini di lucro impegnata nella difesa dei diritti umani dei veneziani e di quanti, cittadini del mondo, vogliono abitare nella città insulare.